IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

sabato 13 marzo 2010

I VACCINI VIAGGIANO... VERSO L'AFRICA...

Il rigiro dei vaccini... adesso tocca l'Africa...
"In Africa il pericolo c'è ancora" ??
Probabile stia arrivando proprio ORA...  


da TGCOM - 11.3.2010
http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo476172.shtml

Finita la paura, allarme sproporzionato

La "fase 6" della pandemia non è stata ancora ufficialmente dichiarata superata dall'Oms, ma in Italia la paura dell'A/h1n1 ormai è finita. E le montagne di vaccini accumulate dalle Regioni italiane e dal ministero della Salute per quello che si è rivelato un allarme sproporzionato stanno per essere spedite nei Paesi (Africa compresa) dove il pericolo c'è ancora. L'Italia conserverà solo quale migliaio di dosi per fronteggiare un'eventuale "ricaduta".
A fornire i numeri di quello che è stato un allarme ingiustificato è il quotidiano "La Stampa", che spiega come, a fronte di 10 milioni di dosi di vaccino acquistate dall'Italia e distribuite nelle regioni, le persone vaccinate sono state meno di 900mila. Dal 9 ottobre, quando è iniziata la sorveglianza, i casi di contagio da influenza A/h1n1 sono stati quattro milioni e mezzo. E il numero di vittime non ha superato lo 0,005% dei malati.

E così, passata la paura e archiviato l'allarme, ora le Asl rendono le dosi inutilizzate di vaccino, che verranno ritirate dalla Croce Rossa. E quindi inviate nei Paesi che hanno chiesto aiuto all'Oms: una nuova corsa contro il tempo, come quella intrapresa durante il periodo di massimo allarme per accaparrarsi le dosi. Ora, invece, la "gara" è per sbarazzarsene inviandole dove servono (o potrebbero servire) realmente, prima della scadenza dei medicinali, in autunno.

Nessun commento: