IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

domenica 3 aprile 2011

IL MORTALE GARDASIL: TESTIMONIANZA DOLOROSA DI UNA RAGAZZA VACCINATA

qui il video sottotitolato in italiano
ennesimo video drammatico sulla vaccinazione contro il
PAPILLOMA VIRUS:
ragazze e genitori... uscire dalla anestesia dei media!! 


per altri video inglese sul tema qui:
http://scienzamarcia.blogspot.com/2010/05/una-bustarella-di-45-sterline-per-il.html

Il 14 febbraio del 2010 sull'edizione on line del quotidiano britannico dailymail viene pubblicato un articolo dal titolo £45 shops ‘bribe’ for cervical cancer jab for teenage girl, ovvero Una "bustarella" di 45 sterline per il vaccino contro il cancro alla cervice.

(...) Se il vaccino fosse davvero così utile, sicuro ed efficace, perchè mai ci sarebbe bisogno di pagare chi lo riceve? Basterebbe una buona campagna informativa, dati alla mano, e la gente si convincerebbe a farlo, i genitori sarebbero contenti di fare vaccinare le proprie figlie se si rendessero conto che la cosa è utile.


invece per riuscire a vaccinare queste povere ed indifese ragazzine si arriva ad escludere legalmente la patria podestà: le ragazzine avranno in regalo il loro buono per gli acquisti love2shop se riceveranno le iniezioni anche in assenza del consenso dei genitori, che saranno così espropriati del legittimo diritto di esercitare un'azione di controllo e tutela della salute dei propri figli.

(...) Leggiamo infatti in tale articolo del daily mail che: Le ragazzine saranno ricompensate con buoni per gli acquisti se si fanno inoculare il vaccino contro il cancro alla cervice.
Le ragazze tra i 16 e i 18 anni riceveranno 45 sterline di buoni se completano un ciclo di tre iniezioni [di vaccino] contro il virus HPV, l'infezione che causa il 70 per centro dei casi di tumore alla cervice.



QUI PER ACQUISTO

Ci sono fortissime pressioni commerciali da parte delle Ditte produttrici, sia a livello politico che dei mass media, per promuovere campagne di vaccinazione di massa contro il Papillomavirus, ma a livello scientifico ci sono grandi perplessità, dubbi e preoccupazioni sul reale rapporto rischio/beneficio di questo vaccino.



L’infezione da HPV è comune, ma il rischio di sviluppare un carcinoma è eccezionale, richiede decenni e può essere evidenziato precocemente da periodici e innocui Pap-test che in ogni caso devono essere eseguiti anche nei vaccinati, perché il vaccino copre solo contro 2 dei 15 ceppi ad alto rischio tumorale.


Mancano studi clinici longitudinali condotti da ricercatori indipendenti dall’Industria farmaceutica sull’efficacia del vaccino.


Mancano informazioni corrette ed esaustive sui reali effetti indesiderati di questa vaccinazione e stanno diventando sempre più numerose le segnalazioni di gravi danni da vaccino.


Mancano completamente informazioni sulla durata della protezione e sulla reale capacità di prevenire veramente non le lesioni precancerose ma il carcinoma del collo dell’utero.


Non si sa come si modificheranno i numerosissimi tipi di HPV in risposta allo stimolo vaccinale: gli altri tipi virali non coperti dal vaccino diventeranno ancora più cancerogeni?


Ci sono azioni di marketing da parte dell’Industria farmaceutica per esagerare questa malattia e creare dei falsi bisogni allo scopo di giustificare l’acquisto del suo farmaco?


Scopo di questa pubblicazione è fornire un’informazione aggiornata e indipendente ai cittadini e a tutti gli operatori sanitari sui vantaggi e sui limiti di questa vaccinazione, in modo che ognuno possa trovarsi nella condizione più corretta per esprimere, con un maggior grado di scienza e coscienza, il suo consenso o diniego veramente informato

Nessun commento: