IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

domenica 9 settembre 2012

OGM: BRUXELLES DECRETA CHE ITALIA NON PUO' OPPORSI A COLTIVAZIONI OGM

Corte Ue: Italia non puo' bloccare coltura sementi Ogm
BRUXELLES - Uno stato membro dell'Ue, nel caso specifico l'Italia, non puo' bloccare la messa in coltura di Ogm in attesa dell'adozione da parte delle Regioni di norme sulla coesistenza tra le colture Ogm e quelle convenzionali. 

Lo ha stabilito oggi la Corte di giustizia Ue con una sentenza emessa a proposito della causa intentata dalla Pioneer contro il ministero dell'Agricoltura per la procedura seguita nella pratica di autorizzazione di Ogm gia' ammessi dall'Ue.

Nella causa la Pioneer, che produce e distribuisce a livello mondiale sementi convenzionali e Ogm, intendendo coltivare le varieta' del mais Mon 810 (autorizzate dall'Ue nel 1998) ha contestato la necessita' di un'autorizzazione nazionale per coltivarlo, ma anche l'interpretazione della direttiva europea sull'immissione di Ogm nell'ambiente, secondo la quale la coltivazione di Ogm in Italia non sarebbe consentita fino all'adozione di misure di coesistenza da parte delle Regioni.

Per fare chiarezza sull'interpretazione della direttiva europea, il Consiglio di Stato si e' rivolto alla Corte di giustizia dell'Ue, che oggi si e' pronunciata sottolineando per l'appunto che ''la messa in coltura di Ogm quali le varieta' del mais Mon 810 non puo' essere assoggettata a una procedura nazionale di autorizzazione quando l'impiego e la commercializzazione di quelle varieta' sono state autorizzate dall'Ue''.






Nessun commento: