IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

venerdì 1 febbraio 2013

I CIBI DA EVITARE PER LA SALUTE. LEZIONE UNO: I GRASSI TRANS


I grassi trans non sono altro che grassi che hanno subito una trasformazione chimica artificiale. Per avere un grasso trans è sufficiente aggiungere un po' di idrogeno ad un olio vegetale per renderlo più solido. C'è tutto un processo che utilizza anche dei metalli altamente pericolosi (come il nichel) che fungono da catalizzatori

I vantaggi a livello industriale sono notevoli. E' possibile in questo modo ottenere grasso vegetale solido a basso costo molto più pratico da usare dei classici oli vegetali, che tra l'altro irrancidiscono facilmente.  I grassi trans si formano anche con il processo di raffinazione degli oli vegetali.  Il processo di raffinazione è utilizzato per ottenere tutti gli oli di semi non spremuti a freddo (e quindi la stragrande maggioranza degli oli di semi), e l'olio d'oliva non extra-vergine. L'olio viene estratto con l'utilizzo di soventi chimici, che vengono poi eliminati per distillazione. Esso viene successivamente reso commestibile con l'utilizzo di sostanze alcaline che ne abbassano l'acidità, riportandola a valori accettabili. 

Questo processo produce una piccola quantità di acidi grassi insaturi di tipo trans, circa il 5% rispetto al quantitativo totale di grassi (quindi in una bottiglia di olio di semi da un litro ci sono circa 50 grammi di grassi trans, in un cucchiaio circa mezzo grammo).
Il nostro corpo fisico non è assolutamente in grado di digerire questo tipo i grassi, semplicemente perché non ha la struttura di enzimi necessari per gestirli.
A causa della NON digestione da parte del nostro organismo questi veleni vengono accumulati nei tessuti portando problemi all'organismo anche molto gravi.

In natura non esistono i grassi trans tranne che in alcune carni di grossi ruminanti ed in particolari prodotti caseari, ma che comunque sono presenti in quantità minima.
Purtroppo anche se nel mondo sono diffusissimi in tutti i prodotti alimentari industriali e non esiste una regolamentazione in Italia in proposito per l'inclusione nelle etichette degli alimenti, se non siamo più che accorti rischiamo di assumerne in quantità elevate senza nemmeno saperlo.
Ecco un elenco di problemi che possono portare:
  • Malattie cardiovascolari e coronariche
  • Abbassano il colesterolo buono (HDL) e alzano quello cattivo (LDL)
  • Aumento del rischio di cancro alla prostata e alla mammella
  • Incrementano la produzione di radicali liberi
  • Promuovono lo sviluppo dell'Alzhaimer
  • Incremento del rischio di diabete di tipo 2
  • Obesità e grasso addominali
  • Disfunzioni del fegato
  • Infertilità nella donna e abbassamento dei livelli di testosterone nel'uomo
  • Causano un basso peso dei bambini alla nascita
  • Diminuiscono il valore nutritivo nel latte materno
  • Aumento del rischio di infarto
Dove si trovano?
A causa della scarsa regolamentazione a livello europeo di questo tipo di alimenti è abbastanza difficile individuare nelle etichette dei prodotti che ogni giorno consumiamo la scritta “grassi trans”. Tuttavia, non è difficile eliminarli completamente dalla nostra alimentazione. I grassi trans li troviamo in tutti gli alimenti che riportano come dicitura tra gli ingredienti:

  • oli vegetali idrogenati
  • oli vegetali parzialmente idrogenati
  • grassi vegetali idrogenati
  • grassi vegetali parzialmente idrogenati
  • margarina (anche quella priva di grassi idrogenati)
Sono da evitare anche tutti gli oli vegetali che NON sono spremuti a freddo in quanto contengono dei grassi modificati in seguito al processo a temperature troppo elevate.
I seguenti prodotti di largo consumo vanno tenuti sotto controllo:

Prodotti da forno confezionati: Biscotti, brioche, focacce, crostate, torte, patatine in sacchetto ecc. Tutti riportano gli ingredienti e quindi è semplice individuare la presenza di grassi trans.

Prodotti da forno artigianali:
 Da tenere sotto controllo soprattutto i prodotti di pasticceria, che nel 90% dei casi fanno uso di grassi trans. Gli esercizi devono obbligatoriamente riportare in vista gli ingredienti di ciò che vendono, se non li trovate chiedeteli all'esercente e se trovate margarina o grassi idrogenati tra gli ingredienti, cambiate pasticceria.

Gelati artigianali: La situazione dei gelati non è grave come quella delle pasticcerie, ma il rischio è comunque alto. Ormai quasi tutte le gelaterie fanno uso di preparati industriali che spesso contengono grassi trans, che hanno il vantaggio di far sciogliere il gelato più lentamente.
Oltre ovviamente ai prodotti appena descritti, che vengono serviti anche al ristorante, bisogna cercare di evitare quelle preparazioni che fanno uso probabile di margarina.
I dolci, se non sono "della casa", sono acquistati da pasticcerie industriali o artigianali che al 90% usano margarina.

Il tuo stato di salute è sotto la tua responsabilità
Siccome sei l'essere umano che ti conosce meglio al mondo smetti di delegare la tua salute al dottore, alla famiglia o al prete :-)
E' importante capire che abbiamo attratto noi i nostri disagi fisici e quindi solo noi abbiamo il potere di lasciarli andare.

Nessun commento: