IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

venerdì 12 aprile 2013

IGNAZIO MARINO SINDACO DI ROMA? NO GRAZIE, PRATICA VIVISEZIONE UMANA E ANIMALE




Marino è colui che è campato sulla dichiarazione di "morte cerebrale" imposta per effettuare i suoi oltre 650 trapianti di fegato; ha introdotto surrettiziamente nella proposta di legge dei DAT, Dichiarazioni Anticipate di Trattamento, la donazione del corpo dopo la morte (sic) senza precisare che si tratta di cosiddetta "morte cerebrale". 

Su questi infelici truffati praticheranno per un anno esercitazioni chirurgiche, chimiche e radiologiche, se passa.

Nell'immediatezza consigliamo di andare sul nostro sito www.antipredazione.org, sezione comunicati stampa, in data 21.10.2009 per leggere "Il trapiantista Ignazio Marino cavalca Rethinking Brain Death 20 anni dopo" e contrariamente a quello che si potrebbe pensare, lo cavalca pro-morte.

Roma è capitale d'Italia, non può avere un espiantatore/trapiantatore come Sindaco, perché c'è il rischio che si ripeta l'esperienza ISMETT di Palermo.

Invitiamo i soci a scrivere al PD (redazione@partitodemocratico.it) una mail di opposizione contro l'elezione a sindaco di Marino, medico che pratica la vivisezione umana ed animale.

Comitato Romano
Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi e la Morte a Cuore Battente

Nessun commento: