IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

sabato 13 luglio 2013

GLI INGLESI CI DICONO CHE IL NOSTRO MINISTRO DELL'AGRICOLTURA SPINGE PER LA MESSA AL BANDO DEGLI OGM

Nunzia De Girolamo.JPG 25 June 2013

 
Il Ministro italiano delle Politiche Agricole, Nunzia De Girolamo, questa settimana ha detto che cercherà di mettere al bando i raccolti OGM in Italia. Dice di avere per questo il sostegno dei ministri per l'ambiente e della salute.  


Nell'aprile scorso, dei funzionari del governo italiano scrissero alla  Commissione Europea , perchè l'esecutivo EU rifiutasse  il rinnovo di una controversa varietà di mais OGM, che attualmente è il solo raccolto OGM in Europa ad avere il brevetto per coltivazione commerciale.

La varietà in questione , il mais Monsanto's MON810, venduto come Yieldgard, cresce soprattutto in Spagna, ma è stato vietato in Francia, Austria, Bulgaria, Ungheria, Grecia, Germania, Lussemburgo e di recente in Polonia.

Parlando alla stampa italiana, la De Girolamo ha indicato gli altri stati europei che hanno attuato dei veti sugli OGM,  veti supportati pubblicamente, anche se ha riconosciuto che tali veti sarebbero illegali sotto la legge europea.

Contrariamente a molti altri stati europei, anche il maggior gruppo lobbistico italiano in agricoltura, la Coldiretti, sostiene il veto. L'ultima ricerca pubblicata da Coldiretti suggerisce che il 76 percento di Italiani  si oppone alla tecnologia OGM; questo rappresenta il 14 percento di aumento nella opposizione alla tecnologia controversa e questo dal giugno 2012.
Coldiretti ha detto lunedi  che i raccolti OGM crescono appena sullo 0.01 percento della terra coltivata in EU (che copre, si stima, 160 milioni di ettari)

Il Ministro per l'Ambiente britannico, Owen Paterson, la scorsa settimana ha dichiarato il suo sostegno agli OGM e alla industria biotech, lasciando intedendere che i raccolti crescono ampiamente in tutto il mondo e che il rischio dell'Europa, è di "essere lasciata indietro" , se manca di abbracciare la tecnologia; in realtà il 90 percento dei raccolti controversi crescono solo in 5 paesi nel mondo.

Inoltre, una recente ricerca dalla University of Canterbury in Nuova Zelanda dice che il pacchetto OGM adottato da contadini USA in realtà si è dimostrato nocivo, se paragonato allo sviluppo agricolo europeo.
 
I ricercatori hanno aggiunto: " Abbiamo trovato che  la combinazione di sementi NON OGM e le pratiche di gestione usate nell'Europa occidentale, sta aumentano piu' velocemente i raccolti di grano rispetto all'uso dei "pacchetti OGM" scelti dagli USA . La nostra ricerca ha mostrato che i raccolti di colza stanno aumentando piu' velocemente in Europa, mentre diminuiscono gli erbicidi chimici e ancor piu' declina l'uso di insetticidi a meno di non sacrificare i guadagni fatti con i raccolti, mentre l'uso dell'erbicida chimico in USA è aumentato con le sementi OGM". 

Oltre 3/4 delle regioni italiane,  si sono dichiarate OGM free, senza OGM, anche se legalmente non possono sostenere questa affermazione.

L'intensa ostilità ha raccolti OGM, che si sente cosi palpabilmente in Italia,  deriva in parte dal luogo del paese, quale secondo maggior produttore europeo di prodotti bio e patria del movimento Slow Food .

FONTE: http://www.farming.co.uk/news/article/8548 
trad e sintesi Cristina Bassi, www.thelivingspirits.net

Nessun commento: