IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

sabato 22 marzo 2014

IL PAPA, L'AGNELLO DI PASQUA E ... LA BUFALA FACEBOOK?



 
Riposto questo post di 3 giorni fa poichè, "casualmente"  questo aveva generato un problema tecnico sul blog. Vediamo se persiste la "fatalità".
---------------------------------


Quando l’ideologia suona, la musica della verità tace.
L’ideologia animalista ha colpito Papa Francesco ed il Santo di Assisi. Gira da qualche giorno su facebook una notizia: “FINALMENTE UN PAPA L’HA DETTO!!!!!!!!!!!!!!!! A PASQUA NON MANGIATE AGNELLO E CAPRETTI”.


Ed anche su altri siti il messaggio che suona è quello: “Il Papa: A Pasqua non mangiate agnelli a capretti”, per citarne uno dei tanti. Peccato solo che il Papa non abbia mai detto quello che gli si attribuisce. Tutto parte forse da un post dal titolo un po’ equivoco della lega anti-vivisezione, “Grazie al Papa e no alla strage degli agnelli per Pasqua” . 
E da lì si sa come girano le informazioni. Quindi il Papa non ha invitato nessuno a non mangiare l’agnello.


È vero invece che gli animalisti, appena eletto il Papa, si erano messi subito in moto, chiedendo di fermare “la strage delle migliaia di agnelli che ogni anno vengono sacrificati”, come avanzato da Fulvio Mamone Capria, presidente della Lipu. “Jorge Mario Bergoglio”, ha detto invece Massimo Pradella, presidente internazionale Oipa, l’organizzazione internazionale protezione animali, “eletto ieri come nuovo Papa della Chiesa cattolica ha scelto per la prima volta nella storia il nome Francesco. Ci auguriamo che questa scelta sia motivata anche dalla sensibilità e dal rispetto per gli animali che contraddistingue il frate Francesco, poi diventato santo, e che si rifletta sulle scelte che opererà”. Al Papa allora l’invito a “rompere con alcune anacronistiche e crudeli tradizioni”.


“Appena ho sentito il nome `Francesco´ ho sperato subito che la scelta fosse stata ispirata santo di Assisi’’, dice il presidente della Lega anti vivisezione (Lav) Gianluca Felicetti. “Questo Papa ha un’arma formidabile da utilizzare subito – continua il presidente della Lav – elevando una sua parola in occasione della prossima Pasqua, per evitare la strage delle migliaia di agnelli che ogni anno vengono sacrificati’’.


Sarebbe “un segnale di discontinuità con i suoi predecessori” che dimostrerebbe “compassione per tutti i viventi, animali compresi, facendo così della festa una Pasqua di resurrezione e quindi di vita. Ci auguriamo che sia un uomo di pace, che applichi il rispetto per tutti gli esseri viventi a 360 gradi proprio nello spirito di San Francesco”.


La vulgata è dunque che San Francesco sarebbe stato una sorta di animalista dell’era antica, un uomo che, come loro, equipara in qualche modo la vita umana a quella animale, tanto, magari, da fare di lui un vegetariano. E questo lo può pensare solo chi, accecato dall’ideologia animalista, non conosce la figura di San Francesco.

Basta leggere le Fonti Francescane:
“Un giorno i frati discutevano assieme se rimaneva l’obbligo di non mangiare carne, dato che il Natale quell’anno cadeva in venerdì. Francesco rispose a frate Morico: «Tu pecchi, fratello, a chiamare venerdì il giorno in cui è nato per noi il Bambino. Voglio che in un giorno come questo anche i muri mangino carne, e se questo non è possibile, almeno ne siano spalmati all’esterno”. (Vita seconda di Tommaso da Celano, 199)


Insomma, non solo il Papa non ha detto di non mangiare l’agnello pasquale. Ma l’idea stessa che il suo nome e la tradizione francescana facciano di lui un animalista può essere figlia solo di un cieco approccio ideologico. Buona Pasqua. E buon appetito a tutti. –

Ti potrebbe interessare anche:

Nessun commento: