IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

mercoledì 1 ottobre 2014

SIMILIA SIMILIBUS CURANTUR, OVVERO OMEOPATIA


Ciò che è simile si cura attraverso il suo simile.
Quasi ogni sostanza presente in natura è velenosa. La velenosità delle diverse sostanze si differenzia soltanto nella dose necessaria per un effetto venefico. Per un avvelenamento da sale marino occorre una quantità molto maggiore che per un avvelenamento da mercurio. 
L'omeopatia si serve del controllo dei medicinali sui sani: una persona assume tanto di una sostanza (minerali, pianta, ecc.) che l'organismo sano si ammala. Tutti i fenomeni che ora si manifestano vengono osservati con la massima cura e protocollati. Si ottiene così un quadro delle possibilità di avvelenamento e quello delle possibilità medicamentose di una determinata sostanza. 
Nel controllo del medicamento la persona sana prende il medicamento e si ammala. Se il medico trova un ammalato la cui somma dei sintomi presenta una grande somiglianza al quadro patologico prodotto nella persona sana da un certo medicamento, significa che questo è il "simile", cioè la medicina giusta, in grado di guarire l’ammalato.

Qui si mostra ancora una volta tutta l'importanza della legge di polarità: ciò che è veleno per il sano, è medicina per l'ammalato. Non è un caso che in greco il termine farmakon significhi sia veleno che medicina.
L'omeopatia fu sviluppata e insegnata da Samuel Hahnemann (1755-1843).

Materia prima per un medicamento omeopatico può essere quasi tutto quello che esiste come materia al mondo, tuttavia ci si limita in genere a sostanze prese dai tre regni della natura: quello minerale, quello animale e quello vegetale. Scegliamo per esempio la Belladonna (Bell.).

Da questo frutto viene prodotta la tintura che rappresenta una sostanza di base e viene quindi definita tintura primaria (simbolo Ø). Si prende ora una parte di questa tintura e le si aggiungono dieci parti di solvente, per esempio alcool, quindi si scuote per bene. Questo scotimento si chiama potenziamento. Il risultato finale si chiama Bell D1, cioè la prima potenza decimale della pianta di Belladonna.

Di questo Bell D1 se ne prende ancora una parte e la si mescola con dieci parti di solvente, ottenendo Bell D2. Esempi di potenziamento:
1 parte di Bell Ø   + 10 parti di alcool = Bell D1 (rapporto 1:10)
1 parte di Bell D1 + 10 parti di alcool = Bell D2 (rapporto 1:100)
1 parte di Bell D2 + 10 parti di alcool = Bell D3 (rapporto 1: 1000)
1 parte di Bell D3 + 10 parti di alcool = Bell D4 (rapporto 1: 10.000)
1 parte di Bell D4 + 10 parti di alcool = Bell D5 (rapporto 1: 100.000)
1 parte di Bell D5 + 10 parti di alcool = Bell D6 (rapporto 1: 1000.000)
    "                     "                        "                       "                        "
1 parte di Bell D29 + 10 parti di alcool = Bell D30 (rapporto 1: 1 quintilione)

Chiudiamo la nostra tabella con D30 anche se il potenziamento di un medicamento non finisce certo qui. Si può ottenere Belladonna D3 allo stesso modo di Bell D30, ma anche D200, D500, D1000, D10.000. Ora è noto che già nel D23 non può essere più presente nessuna molecola della sostanza originaria (nel nostro caso Belladonna).

Tutto ciò che avviene a partire da D23 è uno scotimento rituale di alcool. Tuttavia l'omeopatia lavora con queste "alte potenze", Hahnemann per esempio utilizzava quasi esclusivamente la trentesima potenza ed eseguiva con questa tutte le cure. 


L'avversario dell'omeopatia sarà ben lieto di sapere che non si lavora con "niente". Il vero omeopata però utilizza D30 per essere sicuro di non lavorare più con la materia. 

Tutte le contraddizioni si risolvono rapidamente se noi separiamo due concetti: informazione e latore di informazione.

Consideriamo una cassetta per registrare: essa consiste in un involucro di plastica e in un nastro di materiale sintetico. Con questa cassetta è possibile registrare un concerto o una conferenza. Conferenza o musica sono l'informazione, la cassetta semplicemente il latore delle informazioni. Due cassette, in una delle quali è registrata musica e nell'altra una conferenza, non si differenziano molto dal punto di vista materiale e le si distingue solamente dalla scritta posta sull'involucro. Lo stesso vale per un libro.

Una informazione è sempre qualcosa di immateriale e per essere percepibile ha bisogno di un latore materiale. Se si vuole conoscere il Faust di Goethe, è secondario il fatto che il testo sia stampato su carta, inciso nel metallo o parlato su un nastro. Importante è l'informazione. Sappiamo che nel caso di una malattia è sempre l'uomo ad essere ammalato, non la materia. 


La materia in quanto tale non può ammalarsi. Nel fisico si mostrano semplicemente le orme della malattia. Se vogliamo guarire dobbiamo sempre sperimentare una dilatazione di coscienza. Dilatazione è però un afflusso di informazioni. Se un medicamento deve essere qualcosa che veramente porta guarigione, deve trasmettere alla persona l'informazione mancante.

Ricordando l'analogia dell'uomo tra microcosmo e macrocosmo, dobbiamo convenire che tutto ciò che manca al microcosmo uomo deve essere riscontrabile nel macrocosmo universo (minerali, animali e piante). L'essenziale di una pianta curativa è proprio la sua individualità, la sua anima come rappresentante di un principio primo, che si esprime nel suo organismo fisico. 


Se a una persona manca un principio primo, lo si può cercare nel macrocosmo e poi trasmettere all'ammalato questa informazione. Per far questo è però necessario sganciare l'informazione di una pianta, di un minerale, eccetera, dalla sua manifestazione materiale, collegare questa informazione a un latore adatto e in questo modo trasmetterla.

Esattamente questo succede attraverso il potenziamento dell'omeopatia.
Chi ha inteso il potenziamento come una graduale "spiritualizzazione" della materia, riconosce anche la differenza tra diluizione e il potenziamento di una sostanza. Omeopatia nel senso di Hahnemann non è una terapia con "quantità minime di medicinali", ma una terapia senza medicinali materiali.

Tutto questo i grandi medici lo sapevano; già duemila anni prima di Hahnemann il grande Paracelso diceva:" In nessun modo una malattia può guarire per contraria - cioè con mezzi opposti - ma solo con l'aiuto del simile (sed quod libet simile).


Nel Paragranum Paracelso scrive: " Se tu sai che una malattia ha carattere arsenicale, questo ti indica la cura. Perché l'arsenico guarisce l'arsenico.."
Tratto da Il Destino come scelta, psicologia esoterica Thorwald Dethlefsen ed. Mediterranee

Omeopatia per acquisto  Omeopatia per acquisto

Nessun commento: