IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

giovedì 13 novembre 2014

UNA RICERCA RACCONTA COSA SUCCEDE QUANDO MORIAMO. LA COSCIENZA CONTINUA ANCHE SE L'ATTIVITA' CEREBRALE CESSA

death 
Nella maggiore ricerca che sia stata mai condotta, i ricercatori hanno trovato la prova che la coscienza continua anche quando cessa l'attivita' cerebrale. Questa prova della vita dopo la morte giunge da uno studio condotto da ricercatori  della University of Southampton e pubblicato nel giornale Resuscitation.

"Contrariamente alla percezione, la morte non è uno specifico momento ma un processo potenzialmente reversibile, che avviene dopo che ogni seria malattia o incidente causano la cessazione del funzionamento del cuore, dei polmoni e del cervello,"  ha detto il capo della ricerca, il Dr. Sam Parnia . "Se si fanno dei tentativi per invertire il processo, si parla di "arresto cardiaco" ; tuttavia, se questi tentativi non hanno successo, cio' si chiama morte' "

Circa il 40 per cento degli intervistati, ha ricordato di aver fatto esperienza di una forma di consapevolezza dopo un arresto cardiaco (ed essendo stato dichiarato clinicamente morto) .

Lo studio AWARE (AWAreness during REsuscitation: consapevolezza durante la rianimazione) ha cercato di usare un metodo scientifico per indagare sulle esperienze tipicamente descritte da termini imprecisi come near-death experience (NDE - esperienze prossime alla morte ) e  out-of-body experience (OBE esperienza fuori dal corpo). 
I ricercatori hanno intervistato  2060 pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco, da 15 ospedali  in  Austria, Regno Unito  e USA.

"In questo studio volevamo andare  oltre la definizione
di  NDE, che ha forte carica emotiva, ma è in sè carente, per esplorare oggettivamente cosa succede quando moriamo,"  ha detto il Dr. Parnia.

I ricercatori hanno scoperto che il 39 per cento dei sopravvissuti all'arresto cardiaco,  che sono stati intervistati, ha descritto  un senso che indica che erano "consapevoli" dopo l'arresto cardiaco. Ma molti non hanno memorie specifiche associate con quella percezione.
Tra coloro che hanno riportato tale percezione, solo il 2 percento ha descritto una esperienza coerente con l'idea popolare dell'OBE, come per esempio sentire o vedere eventi che accadono intorno al loro corpo. Il nove percento ha riportato esperienze coerenti  con l'dea popolare della NDE , come per esempio sentire caldo o la presenza della luce.
il 46 per cento tuttavia ha riportato di esperienze che non sono coerenti nè con l'OBE nè con la NDE 
(...) Un assistente sociale di 57 anni, ha riportato in modo accurato cio' che stava accadendo intorno a lui mentre era cessata l'attività cerebrale. 

Questo è significativo perchè si è sempre supposto che le esperienze in relazione alla  morte terrena siano simili alle allucinazioni o illusioni," ha detto il Dr. Parnia,  "che accadono  prima che il cuore venga rimesso in funzione con successo, ma non una esperienza che corrisponde ad eventi reali, quando il cuore ha cessarto di battere. 

"In questo caso ,  coscienza  e  consapevolezza sembra accadano durante un tempo di 3 minuti dal cessare  del battito cardiaco. Questo è paradossale, dato che il cervello tipicamente cessa di funzionare in 20-30 secondi dallo stop cardiaco e non riprende fino a che il cuore viene rimesso in funzione.La memoria dettagliata  di consapevolezza visiva, in questo caso, era coerente con eventi verificati"

I ricordi principali  dell'uomo non solo erano accurati ma hanno persino aiutato i ricercatori a collocare nel tempo la sua esperienza.

"L'uomo ha descritto  tutto cio' che è avvenuto nella stanza, soprattutto il fatto di aver sentito
due bip dalla macchina che faceva il rumore a 3 minuti di intervallo. Cosi abbiamo potuto misurare quanto è durata l'esperienza" ha detto il Dr. Parnia.

fonte: http://www.naturalnews.com/047545_life_after_death_scientific_study_near_experience.html#

traduzione Cristina Bassi, www.thelivingspirits.net
 
VEDI ANCHE: 

 



Fonti dell'articolo originale:
 http://www.independent.co.uk
http://www.sciencedaily.com

Nessun commento: