IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

lunedì 1 dicembre 2014

SIBO: SINDROME DA PROLIFERAZIONE BATTERICA INTESTINALE

http://www.dottorperuginibilli.it/wp-content/uploads/2014/11/SIBO.jpg 

L’acronimo SIBO sta per “Small Intestinal Bacterial Overgrowth” (crescita eccessiva dei batteri dell’intestino tenue) ed è una condizione in cui nel piccolo intestino si verifica un’ eccessiva proliferazione di batteri appartenenti alla normale flora intestinale. Spesso si tratta di batteri che provengono dal colon. 
 
La SIBO è una delle cause del Colon Irritabile (IBS =Irritable Bowel Syndrome), tanto che è presente nell’ 84% dei pazienti affetti da IBS.
I batteri implicati nella proliferazione batterica anomala sono nel 37% di tipo aerobico e una loro eradicazione porta ad una riduzione del 75% dei sintomi.

La sovraccrescita batterica causa difficoltà nella digestione e nell’assorbimento degli alimenti e produce quantità eccessive di gas idrogeno e metano. Questi gas non sono prodotti dalle cellule intestinali, ma dalla flora intestinale in seguito alla fermentazione dei carboidrati. La flora fermentativa, comunemente presente nell’intestino, “nutrita” con eccessive quantità di zuccheri si riproduce all’eccesso e porta alla SIBO e all’IBS. La SIBO può anche essere associata alla Sindrome da Permeabilità Intestinale.

Il test idrogeno/metano è quello più comunemente utilizzato per testare questa crescita batterica anomala. Le comuni analisi sulle feci non sono utili.
Vediamo ora i sintomi più comuni della SIBO:
  • gonfiore addominale
  • meteorismo
  • eruttazioni
  • dolori addominali
  • stipsi o diarrea o alvo alterno
  • reflusso gastrico
  • nausea
  • malassorbimento (steatorrea, anemia)
  • dolori artro-muscolari
  • stanchezza
  • acne rosacea
Ma siccome l’equilibrio dell’intestino condiziona la salute del resto dell’organismo, la SIBO può associarsi ad un gran numero di altre condizioni morbose, come: ipotiroidismo, intolleranza al lattosio, fibromialgia, Crohn, encefalopatia epatica, steatosi non alcolica, cistite interstiziale e sindrome della gambe agitate.
Alcuni situazioni potrebbero far sospettare una SIBO:
  • comparsa di IBS dopo una gastroenterite
  • notevole miglioramento dei sintomi di IBS dopo una terapia antibiotica
  • peggioramento dei sintomi di IBS in seguito all’assunzione di fermenti lattici
  • aumento dei sintomi di IBS e della stipsi in seguito al consumo di alimenti ricchi di fibre, integrali
  • scarso miglioramento dei sintomi digestivi nei pazienti celiaci che seguono una dieta priva di glutine
  • bassi e cronici livelli di ferritina, senza altre cause apparenti
Meccanismi fisiologici di difesa contro la SIBO
L’organismo ha una serie di meccanismi per prevenire la proliferazione di batteri che comunque sono normalmente presenti nell’intestino. Questi sono la peristalsi, che previene la stasi del contenuto intestinale, e gli enzimi pancreatici, la bile e l’acido cloridrico che hanno una certa funzione batteriostatica e tengono sotto controllo la crescita microbica. Per questo motivo, il notevole abuso che oggi si fa di farmaci come gli inibitori della pompa protonica (omeprazolo, lansoprazolo, esomeprazolo, pantoprazolo, ecc.) incoraggia la crescita soprattutto della flora idrogeno-produttrice. Anche la disfunzione della valvola ileo-cecale potrebbe concorrere ad una risalita della flora anomala dal colon al tenue.

Stress e SIBO
Lo stress può ridurre la secrezione di acido cloridrico e la peristalsi intestinale in seguito al prevalere del sistema nervoso simpatico. Infatti, in condizioni di calma prevale il sistema parasimpatico e le funzioni digestive e intestinali sono migliori.

SIBO e deficit nutrizionali
Una proliferazione anomala dei batteri intestinali può portare a diversi deficit nutrizionali. Per esempio, un eccesso di batteri può interferire con l’assorbimento del coenzima Q10 e del beta-carotene. Inoltre, i batteri possono ridurre i depositi di B12 e ferro e causare sintomi di anemia.

Terapia convenzionale
L’approccio convenzionale si basa quasi esclusivamente sull’impiego di antibiotici a largo spettro, come rifamicina e neomicina, anche in associazione. Ma questo intervento coglie solo l’epifenomeno della condizione morbosa, perché va a colpire i sintomi finali e non le cause sottostanti. Per questo motivo, il successo è relativo e i trattamenti devono spesso essere ripetuti.

Terapie non convenzionali
La strategia per il trattamento efficace della SIBO si articola su due piani principali: dieta e farmaci naturali ad azione antisettica, digestiva, carminativa, immunomodulante.

Dieta – l’approccio allopatico spesso si limita alla prescrizione di antibiotici e poco o nulla viene detto ai pazienti sulla dieta da seguire. La dieta è fondamentale, perché nutrendo direttamente i batteri intestinali  costituisce un’importante variabile selettiva. Il problema alla base della SIBO è la fementazione e quindi la dieta non può basarsi su un eccesso di carboidrati, anzi ne deve essere davvero povera. Una dieta Low-Carb a vari gradi di privazione di cibi zuccherini è la risposta più adeguata, almeno inizialmente.

Riducendo le fonti di cereali, soprattutto integrali, gli ortaggi amidacei, i legumi e il lattosio si riduce l’introduzione nell’organismo di polisaccarici, oligosaccaridi e disaccaridi e i sintomi migliorano spesso velocemente. La dieta low-carb è una dieta che “asciuga” e fa perdere peso e quindi le persone già sovrappeso o debilitate devono stare attente e comunque farsi seguire da un medico.

Aromaterapia – gli oli essenziali hanno principalmente proprieta antisettiche, contro virus, batteri e miceti. A questa azione se ne aggiungono altre che possono risultare davvero vantaggiose per i disturbi inestinali, come quella antinfiammatoria, antispastica e secretiva. Il singolo olio va scelto accuratamente. La terapia orale  è la più efficace è deve essere prescritta solo da un medico esperto in aromaterapia, considerati i potenziali effetti collaterali che gli oli essenziali possono avere. Alla via orale può essere abbinato vantaggiosamente un massaggio addominale aromatico. Alcuni studi preliminari hanno mostrato una significativa efficacia dell’olio essenziale di menta. Ma diversi altri oli essenziali danno ottimi risultati nella pratica clinica, come ad esempio l’Origanum compactum, alcuni chemiotipi di timo e la maggiorana.

Fitoterapia – nella SIBO, le piante con potere antibitico più indicate sono l’aglio, il berberis, la cannella, il neem e alcune altre. A queste se ne possono aggiungere altre con potere secretivo, come diverse piante amare (genziana, tarassaco, boldo, ecc) e carminativo (cardamomo, finocchio, ecc.), oltre che piante adattogene e antistress (Withania somnifera, eleuterococco, rhodiola, ecc.)

Enzimi per Guarire - Guida Pratica - Libro Enzimi digestivi – all’inizio della cura, l’impiego di integratori a base di enzimi digestivi può essere di grande aiuto. Infatti, gli enzimi demoliscono e digeriscono meglio il cibo che così viene attaccato dai dai batteri intestinali.

by Francesco Perugini Billi©copyright

Mangia Grasso e Vivi Bene  Rimedi Casalinghi per il Benessere di Tutta la Famiglia  Le Nostre Piante Medicinali 

Bibliografia
- Horne S, Easley T, Small Intestinal Bacterial Overgrowth (SIBO). modernherbalmedicine.com
- Logan AC, TN Beauline. Treatment of Small Intestinal Bacteria Overgrowth With Enteric-Coated Peppermint Oil: A Case Report. Alternative Medicine Review. Volume 7, Number 5, 2002.
- Siebecker A, Sandberg S Small Intestine Bacterial Overgrowth: Often-Ignored Cause of Irritable Bowel Syndrome. Townsend Letter February / March 2013.

Zapper-Automatic-nach-DrHulda-Clark
ZAPPER METODO CLARK
contro parassiti, funghi, batteri



ionic silver generetor
KIT PER LA PRODUZIONE DI
ARGENTO COLLOIDALE IONICO

1 commento:

Teresa ha detto...

Non ne ero assolutamente a conoscenza di tutto cio´ L´articolo e´davvero interessantissimo. Mi stavo chiedendo se ci possano essere dei metodi per prevenire queste cose...