IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
La guarigione non locale a distanza, in subspazio, con la qxci-scio

sabato 30 gennaio 2016

Le distorsioni del presente: "la guerra è pace, la libertà è schiavitù', l'ignoranza è forza"

orwell1984



(...) 
La neolingua orwelliana è una tipologia di comunicazione artificialmente inventata da un immaginario partito unico per rendere difficile ogni forma di pensiero articolato e quindi di dissenso. Proprio la mancanza di determinati vocaboli e l’uso intenzionalmente fuorviante di altri servono ad impedire alla popolazione di esprimere alcuni specifici concetti e di formulare persino idee compiute.
1984 - Formato Flipback®
La summa della neolingua può essere individuata nei 3 slogan auto-contraddittori ai quali tutta la popolazione deve credere senza riserve:
“La Guerra è Pace”
“La libertà è schiavitù”
“L’ignoranza è forza”
Fortunatamente quello di Orwell è un romanzo distopico, e possiamo rallegrarci del fatto che i funesti scenari che vi sono previsti non si siano ancora realizzati nella società in cui viviamo. O meglio: almeno non si sono realizzati per intero.
Almeno non nei tempi previsti dallo scrittore britannico.
Ad essere sinceri però, qualche traccia di neolingua la avremmo riscontrata anche nel nostro di mondo e così, un po’ per gioco e un po’ anche sul serio, abbiamo selezionato una lista di espressioni (e volendo ce ne sarebbero ancora tante altre) il cui uso, abuso o disuso sta iniziando a puzzarci un po’.
Iniziamo ora la nostra esposizione, durante la quale ci aiuteremo con i tre slogan citati sopra, partendo dal primo:
“LA GUERRA È PACE”.
Per quanto bizzarro possa sembrare, le analogie tra il mondo immaginato da Orwell e la nostra realtà in questo caso sono abbastanza evidenti. Fino a qualche decennio fa infatti, quando spingevamo i nostri eserciti ad occupare militarmente un paese straniero e a bombardare le fazioni che si opponevano alla nostra occupazione, lo mandavamo in Guerra. Invece, da qualche tempo a questa parte, il termine guerra è stato sostituito dalla meno inquietante definizione di Missione di Pace.
(...) 
Anche la nostra vita di tutti i giorni però può essere osservata dal punto di vista delle modifiche avvenute negli ultimi decenni nel lessico. 
In questo caso ci tornerà comodo il secondo slogan: “LA LIBERTÀ È SCHIAVITÙ”.
Liberismo e liberalizzazioni sono infatti le parole chiave, ed entrambe condividono la radice con quella della parola libertà.
Perché una Liberalizzazione abbia luogo, innanzitutto bisogna provvedere ad una Deregulation. Tutti noi siamo abituati ad accettare passivamente l’accezione positiva che il termine deregulation ha acquisito nell’uso quotidiano dei media: significa che si smantellano le oberanti regole e procedure che ostacolano il funzionamento del Libero Mercato.
Peccato che, dai tempi del Codice di Hammurabi [ https://it.wikipedia.org/wiki/Codice_di_Hammurabi ] ad oggi, l’uomo abbia cercato di darsi delle leggi e delle regole che rendano possibile la convivenza civile. A volte si è trattato di regole stupide, sbagliate o ridondanti. Più spesso le leggi esistenti sono state via via superate dal cambio dei costumi e della realtà sociale che le avevano originate, e si è reso necessario un aggiornamento delle stesse. Ma mai fino ad ora era stata imposta alla società una filosofia che mettesse in dubbio l’esistenza stessa delle regole e promuovesse la loro riduzione e rimozione indiscriminata
In assenza di regole di convivenza infatti si regredisce alla legge della giungla, alla legge del più forte (che nella società moderna è il più’ ricco), e prima i diritti dei più deboli e poi via via quelli di tutta la collettività vengono compressi a favore degli interessi dei pochi che detengono le leve del potere. Per fare un esempio “riuscito” di deregulation, l’eliminazione della distinzione tra banche di credito e banche d’affari ha permesso quei colossali fenomeni di speculazione che negli ultimi anni hanno portato alla rovina milioni di piccoli risparmiatori e mandato in crisi l’intera economia mondiale.
>>> tutto l'articolo qui: 
tratto da Breve Dizionario in Neolingua, Articolo di Cesare Corda per SakerItalia.it
La Fattoria degli AnimaliL'Imbroglio della Realtà e l'Inganno della Percezione
        

Nessun commento: