IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
La guarigione non locale a distanza, in subspazio, con la qxci-scio

mercoledì 3 febbraio 2016

Pian O Fruit: un pasto per mantenere forma e disinfiammare il corpo. Metodo France Guillain




Il mio segreto per rimanere in forma senza rinunce, si chiama "Miam O' Fruit" ed è il pasto che faccio 5 giorni a settimana a colazione o a pranzo e mi aiuta a rimanere in forma sia con la linea che con la salute! 

Il Metodo France Guillain

Stasera, la ricetta che proviene dal libro "il metodo France Guillain" voglio condividerla con voi, passo per passo! Di che si tratta? 
Seguendo il metodo di France Guillain, un pasto può diventare un ottimo metodo per depurare e disinfiammare il corpo, grazie all’alto contenuto di acidi grassi della sua ricetta.
Miam O Fruit, così si chiama questo pasto alternativa dai risvolti sorprendenti, è un misto di frutta, olii, semi grassi e frutta secca che aiuta a compensare il senso di fame per almeno 4 ore dopo l’assunzione, non appesantisce, fornisce il giusto equilibrio di vitamine, fibre, proteine, sali minerali, oligoelementi e soprattutto di acidi grassi (Omega 3 e Omega 6).
Ma come si prepara una perfetta Miam O Fruit? Ecco gli ingredienti: 
* BANANA di media grandezza, possibilmente biologica. È sufficiente mezza banana.
Si schiaccia pestandola con una forchetta, affinché diventi liquida e cambi leggermente colore. Deve ossidarsi un po' per passare dallo stato di amido a quello di proteine vegetali, divenendo così più digeribile. 
È un frutto ricco di proteine vegetali che permette di mantenere in emulsioni l'olio fino all'intestino; fornisce una gran quantità di serotonina (anti depressivo naturale); è ricca di potassio (per controllare l'assimilazopme del sale ed essenziale per mantenere i tessuti, lo scheletro e le cellule in buono stato).
La banana schiacciata e ossidata è uno dei migliori riparatori della flora intestinale; è addirittura consigliato schiacciare la banana diverse ore prima e lasciarla ossidare all'aria aperta.

Olio di semi di lino e olio di semi di sesamo 1 cucchiaio da minestra di ciascun olio
L'olio di semi di lino è ricco di omega 3, eccellente per i nostri neuroni.
Viene venduto in bottiglie da 250 ml e va conservato in frigorifero per un periodo massimo di un mese (n.d.a. 250 ml è la quantità di olio che in un mese consuma una persona per preparare questa ricetta quotidianamente, quindi nulla andrà sprecato)
attenzione però ad utilizzare quello per uso alimentare e non quello per uso cosmetico né per i mobili!!!
L'olio di semi di sesamo è interessante invece per l'apporto di calcio.
Un paio di brevi osservazioni sull'olio: è possibile utilizzare, in alternativa agli oli citati, anche altre qualità. Potrebbero essere apprezzabili anche altri oli come di noci, zucca argan e compagnia cantante, ma hanno una reperibilità minore rispetto a quelli suggeriti e hanno la pecca di essere un poco più costosi.
È preferibile riservare invece l'olio di oliva agli altri pasti.
L'olio deve essere perfettamente emulsionato in sottili goccioline in grado di attraversare la barriera intestinale, dev'essere poi accompagnato da succo di limone che, grazie alla presenza di vitamina C, lo libera dai radicali liberi che questo cattura nello stomaco. Così facendo, l'olio andrà a nutrire correttamente le membrane cellulari. 

* SEMI OLEOSI tre cucchiai da minestra di almeno tre semi diversi
Per non incappare in fraintedimenti occorre precisare che l'autrice per "semi oleosi" intende sia i semi (di zucca, di lino, di sesamo, etc.) e frutta, talora, chiamata secca (noci, nocciole, mandorle, etc.)
Qualora sceglieste semi di lino o di sesamo, essendo così piccoli, occorre tritarli finemente con un macina caffè elettrico poiché arrivando interi nell'intestino rischierebbero di irritarlo e, oltretutto, andrebbero perse le ricchezze contenute al loro interno venendo espulsi interi, pertanto assolutamente inutili. Sempre sotto questa ipotesi, i semi che vengono tritati devono essere conservati in un vasetto di vetro in frigorifero in quanto hanno la tendenza ad irrancidire in fretta (da consumare entro una settimana)
Ultima precisazione: i semi non vanno messi in ammollo, non devono essere né tostati né salati. 

* SUCCO DI LIMONE BIOLOGICO appena spremuto un cucchiaio da minestra.
La vitamina C, come abbiamo detto, va ad agevolare l'olio e la sua funzione.
Infatti, l'olio che arriva nello stomaco raccoglie i radicali liberi diventando ossidante, il succo di limone lo "ripulisce" facendo in modo che possa nutrire correttamente le membrane cellulari.

* FRUTTA almeno tre tipi diversi
È importante che sia frutta cruda, fresca, di stagione e possibilmente biologica.
È consigliabile che fra gli "almeno tre tipi di frutta" vi sia almeno mezza mela perché contiene fibre non solubili inibendo l'appetito per un tempo maggiore.
Questa molteplicità consente all'organismo di assorbire vitamine, sali minerali, enzimi ed oligoelementi.
Niente frutta a digestione rapida come agrumi, anguria e melone; divieto anche per la frutta disidratata (come fichi o albicocche secche) e frutta sciroppata, congelata o in conserva. 
Infine, alla ricetta possono essere aggiunti un cucchiaio di miele o di polline e può essere seguito da una tisana o té verde (senza zucchero né latte).
Può essere assunto anche sotto forma di frullato seguendo alcune istruzioni precise; a colazione o a pranzo.
È molto importante, come già detto, non concedersi strappi particolari o, per meglio dire, si può ma non sarebbe più il miam-Ô-fruit di France Guillain con i suoi benefici. D'altra parte vi è un ampio potere di scelta fra i diversi tipi di frutta e semi oleosi (ed eventualmente con l'aggiunta di miele o polline) si ha quindi la possibilità di avere una colazione sempre varia con poche semplici cose.

fonte: https://www.facebook.com/alteaerboristeria/posts/1019140564810679

Nessun commento: