IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
La guarigione non locale a distanza, in subspazio, con la qxci-scio

lunedì 16 maggio 2016

Delphinium Staphysagria: il rimedio della vessazione, rabbia repressa e mortificazione



La Staphysagria è una pianta appartenente alla famiglia delle Ranuncolacee.
Il suo principio essenziale è la delfinina, un alcaloide che agisce sulle  mucose digestive (dalla bocca al colon), genitourinarie, respiratorie, sugli occhi, i muscoli, le articolazioni, le ossa, la cute, e la psiche.

Assumendola in modo non omeopatico, esprime la sua azione tossica in vari modi: bruciore del faringe, abbondante salivazione, dolore ai denti e gengiviti, nausea, vomito, forti coliche addominali,  cistite bruciante con emissione di urine frequente e copiosa, dolori al testicolo, ingrossamento della prostrata, vertigini con sensazione di testa pesante soprattutto alla fronte e alle tempie, confusione e debolezza di memoria, scarsa capacità di concentrazione, prurito alla testa con dolore al cuoio capelluto quando vengono mossi i capelli, infiammazioni e secchezza agli occhi, orzaioli, acufeni con sensazione di freddo all’interno dell’orecchio, dolori ai muscoli del collo con contratture ai muscoli della nuca e della spalla, dolori al ginocchio, dolori muscolari e ossei, sbadigli continui.

Dal punto di vista mentale causa depressione, sonnolenza, scarso interesse per il lavoro, ma soprattutto forte contrarietà con sensazione di indignazione profonda e mortificazione, fino a crisi di collera.
Il suo antidoto è la Camphora, come per molte sostanze vegetali.

Una volta compreso il meccanismo di azione della pianta, ne deduciamo ciò che possiamo curare, omeopatizzandolo, sfruttando così la sua capacità terapeutica proprio sui sintomi da essa provocati, a livello ponderale.

In altre parole diluendola, dinamizzandola (ciò si ottiene con energiche scosse impresse già nella preparazione) e secondo il principio della similitudine (secondo cui una sostanza cura ciò che procura, se omeopatizzata).

In pratica, si è notata la sua capacità terapeutica, in omeopatia, nei confronti di malattie ai denti e alle gengive, agli occhi, ai muscoli, al, quando ci si sente vessati, pressati, o indignati e si avvertono dolori ai denti,  coliche addominali,  cistiti, dolori agli occhi, ai testicoli, e così via.

Omeopati di grande calibro hanno studiato a fondo anche le personalità psicologiche particolari che potrebbero beneficiare di tale rimedio.

Essi le descrivono come persone  con un forte autocontrollo, che mantengono anche quando si sentono insultate e umiliate. Reprimono emozioni e desideri, anche (e a volte soprattutto) sessuali, e tengono molto al loro onore e al rispetto di sé. Quando sentono che questi ultimi sentimenti vengono colpiti, possono non reagire per molto tempo, per poi esplodere sporadicamente con crisi di collera che sembrano esasperate ma in realtà sono dovute alla abituale repressione.

Omeopatia 
 
Esse si assegnano dei compiti la cui realizzazione è quasi impossibile, con l’impegno di conservare la propria dignità nonostante possano essere insultati o umiliati.
Per cui la chiave del rimedio, dal punto di vista mentale, è: rabbia repressa, e mortificazione.

Si tratta di persone che riferiscono (quando ci riescono, perché non parlano volentieri di sé) di essersi  sentite sottomesse (in qualche caso anche maltrattate fisicamente) da forti personalità nella loro infanzia, a cui non hanno mai reagito, spesso neanche durante il periodo adolescenziale (periodo in cui possono scegliere di dipendere da sostanze, per sentirsi più disinibite), sono sempre stati  bambini buoni e obbedienti, e tutto ciò talvolta ha causato in loro un risentimento profondo, e una sensazione di frustrazione.

Sono inoltre persone particolarmente sensibili e suscettibili ai rimproveri, ai rifiuti, alle scortesie, sono gentili e disponibili con tutti, sognano la pace e non vogliono mai scontentare nessuno, ma spesso si legano a persone che tendono a dominarle e da cui non si sentono comprese.

Sentono di dare molto ma di ricevere poco, avvertono ciò come un’ingiustizia profonda e ci rimuginano sopra senza sosta.
Il più delle volte sono uomini. Meno frequentemente donne, ma potrebbe essere solo apparenza, perché le donne di questo tipo si lamentano meno dei maschi, sono come più rassegnate.
Omeopatia
Si sentono spesso sfortunati o scontenti, talvolta si autocompatiscono.
Difficilmente riescono a dire no, hanno bisogno di sentirsi necessari e indispensabili, e si aspettano dagli altri riconoscimenti che hanno difficoltà a darsi da soli, rimanendo fortemente condizionati dall’ambiente esterno.
Detestano i conflitti, e quando non riescono a controllare la rabbia si disperano e si deprimono.

La difficoltà a scaricare, modulare, l’aggressività, porta da una parte alla cronica repressione, dall’altra agli scatti di ira, se pur sporadici.
Aspirano alla perfezione, hanno molto senso del dovere, ma sono in tensione costante per il timore di non riuscire a soddisfare le richieste altrui.

La difficoltà a reagire alla frustrazione è causata o dalle circostanze (verso cui oggettivamente non si può controbattere), o dal soggetto stesso che non si dà il permesso di rispondere come vorrebbe, oppure nel lontano o vicino passato è accaduta una situazione molto frustrante ma rimossa, per cui è assente il ricordo conscio mentre permane la sensazione sgradevole, che può essere poi somatizzata.

Staphysagria può essere utile in un adolescente che si sente svalutato e non accettato dagli adulti o dai coetanei,  e sentendosi umiliato per questo.
Tuttavia non si tratta sempre di soggetti sottomessi o passivi, che reprimono quasi del tutto la rabbia invece di affrontarla e cercare di gestirla al meglio; e non sempre sono solo dolci, amabili, socievoli, servizievoli, premurosi, quasi mai arrabbiati, almeno in apparenza; infatti, spesso tra queste personalità ne troviamo molte facilmente irritabili, o portate a incanalare la collera e le emozioni verso avventure pericolose, o con l’uso di droghe, o scegliendo di girare il mondo evitando di mettere radici, comunque quasi sempre anche loro mostrando gran senso della dignità e del rispetto.

Diciamo che la nota che caratterizza maggiormente queste personalità è la presenza in loro di un senso di smarrimento, a causa delle emozioni che a stento riescono a dominare, né tantomeno ad esprimere, senza sentirsi male o in colpa per averlo fatto. Inoltre, sentono di avere problemi con le figure che rappresentano delle autorità.  

L'omeopatia per Tutti

La paura più grande per loro è perdere l’autocontrollo, e arrabbiarsi.
Inoltre, temono di essere rifiutati o feriti se agiscono diversamente da come di solito fanno, e tale timore può indurli anche a essere timidi con il sesso opposto, per cui stentano a farsi avanti e mostrano un grande riserbo, anche se si sentono molto coinvolti affettivamente.
Si ammalano soprattutto in seguito a vessazioni, collera repressa, indignazione, per qualcosa per cui hanno sofferto in silenzio, per rimproveri e scortesie, per delusioni e dispiaceri.    

L’assunzione può essere indicata, al di là della personalità tipica, anche in un momento di intensa sensazione di pressione, contrarietà e mortificazione, con o senza quei particolari disturbi fisici.

 Per quanto riguarda la posologia, è bene consultarsi con il proprio omeopata di fiducia, perché in seguito alla somministrazione, con dosaggi inadatti, potrebbero verificarsi scoppi momentanei di rabbia, proprio  a causa della repentina riduzione dei freni inibitori.
Per questo tipo di persone è molto indicata la psicoterapia, un luogo ove poter esprimere le proprie emozioni, ma soprattutto elaborare la possibilità di darsi i riconoscimenti che con tanta difficoltà riescono a darsi da sole.

Una forma di autoterapia molto utile per tutti, oltre ai soggetti Staphysagria, è la capacità di ridere, di non prendersi troppo sul serio: difficile essere arrabbiati, quado si ride. Ridere aiuta non solo a sdrammatizzare, ma anche ad aumentare le difese immunitarie!
Perché, se non ci piace ciò che ci accade nel mondo intorno a noi, possiamo adoprarci per cambiare noi stessi, e il mondo cambierà insieme a noi.

Nessun commento: