IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
La guarigione non locale a distanza, in subspazio, con la qxci-scio

mercoledì 29 giugno 2016

Risaie nel Vercellese: salta tubatura oleodotto ENI. Migliaia di litri di gasolio nelle risaie

Sversamento da oleodotto

Un nuovo allarme ambientale, una nuova perdita di gasolio, un nuovo disastro ambientale. E’ successo venerdì, nei pressi di Vercelli: il gasolio è fuoriuscito da un oleodotto interrato di proprietà di Eni. Secondo i primi accertamenti si tratterebbe di circa 30 mila litri di carburante. L’allarme di rischio ambientale nelle risaie attorno a Trino è altissimo anche se i canali irrigui sono stati sbarrati prima che il gasolio potesse raggiungerli. Per ora sono ancora da accertare la causa della fuoriuscita, ma l’ipotesi più plausibile è quella del dolo: in una nota, Eni aveva parlato di un tentativo di furto di gasolio.

Come M5S chiediamo la massima attenzione a livello nazionale sul caso vercellese e sull’altissimo impatto ambientale che ne consegue. Lo sversamento di gasolio a Trino è una ferita aperta in un contesto ambientale già delicato. Non è infatti la prima volta che in Piemonte accadono casi di sversamento di combustibile in seguito a furti agli oleodotti. Nell’alessandrino, a Tortona, è per esempio in corso un’indagine ambientale per uno scempio simile.

Vogliamo la massima attenzione a livello nazionale sul caso vercellese e sull’impatto ambientale che probabilmente sarà – come purtroppo accade in questi casi – altissimo.
Come M5S del resto siamo interessati da sempre alla qualità delle acque irrigue, a 360 gradi. Pochi giorni fa, per esempio, abbiamo ribadito il nostro no al rinnovo dell’uso del glifosato in agricoltura e proposto di valutare le alternative eco sostenibili al pesticida nel rispetto del principio di precauzione a tutela della salute pubblica e dell’ambiente. A essere in gioco non è solo l’ambiente, ma anche la nostra economia e il cibo che mettiamo in tavola.

Secondo alcune stime gli attacchi agli oleodotti fino a qualche anno fa erano una decina l’anno. Nel 2015 le forzature delle tubazioni sono state 157. Siamo nel bel mezzo di un’emergenza e chiederemo al Ministro di attivarsi dal punto ambientale e tramite le forze dell’ordine.


Riferimenti

Nessun commento: