IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
La guarigione non locale a distanza, in subspazio, con la qxci-scio

lunedì 25 luglio 2016

Il bimbo di 3 mesi è morto per meningite, era stato vaccinato la scorsa settimana

BRINDISI- E’ morto per una meningite fulminante il piccolo di 3 mesi ricoverato ieri nel reparto di neonatologia dell’ospedale Perrino di Brindisi. Lo dice il referto sulle analisi del sangue effettuate dal laboratorio del Policlinico di Bari. Non ci sarebbero dubbi. Anche se domani verrà effettuata l’autopsia così come richiesto dal primario del reparto del nosocomio brindisino.
Una strana coincidenza se si considera che la scorsa settimana il bambino , figlio di una coppia di Francavilla Fontana, era stato sottoposto al vaccino proprio della meningite.
“Non ci sono correlazioni tra i due eventi- chiarisce il direttore sanitario dell’ospedale Perrino di Brindisi Angelo Greco- Così dicono da Bari. Si è trattato di una coincidenza. Probabilmente l’infezione covava già da tempo”.
Intanto la famiglia è stata informata dei risultati e comincerà subito la profilassi per evitare che chiunque sia stato a contatto con il piccolo possa aver contratto l’infezione.
Il bambino era stato ricoverato ieri presso l’ospedale di Francavilla Fontana, con febbre alta e difficoltà respiratorie, poi all’aggravarsi delle sue condizioni era stato trasferito al Perrino di Brindisi dove poche ore dopo era deceduto. I medici hanno fatto il possibile per salvarlo ma tutto è stato inutile. Ora però vogliono vederci chiaro, senza dubbio l’autopsia fornirà qualche dettaglio in più . Di certo è che il piccolo era affetto da meningite.

Nessun commento: