IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

mercoledì 8 febbraio 2017

E la Sicilia affonda: grano avvelenato, uva e arance africane, pomodori cinesi...



Ormai è certo che pasta, pane, pizze, farine e dolci vengono prodotti con grano duro di pessima qualità. E le ‘autorità’? Meglio la domanda di riserva. Ci salverà la passata di pomodoro cinese. O l’uva da tavola africana. Africani sono pure l’olio forse di oliva e gli agrumi. Forse un giorno (ma quando?) ci consoleremo con l’automobile elettrica di Termini Imerese. Intanto Almaviva, sezione Palermo, vuole trasferire 400 persone in Calabria, modello ‘Buona scuola’ di Renzi. E mentre in Sicilia tutto va a rotoli Crocetta denuncia ‘minacce’ e i deputati dell’Ars si rifiutano di approvare gli imbrogli dei debiti fuori bilancio…


Mentre la Sicilia sprofonda sempre più, la politica siciliana recita, fugge, si nasconde, si arrabatta, brilla per inefficienza e assenza. Tutto va a rotoli. Tutti ormai sanno che le navi che arrivano a Palermo, a Catania e a Pozzallo scaricano grano duro carico di glifosato e di micotossine. Ma nessuno fa nulla per fermarle. Pasta, pane, farina, pizze, dolci: Dio solo sa che cosa finisce ogni giorno sulle nostre tavole. E le ‘autorità’? Assenti!

Il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, bontà sua, lavora per rilanciare la sinistra. Volete che trovi il tempo per occuparsi dei veleni in agricoltura? Non scherziamo! L’assessore regionale all’Agricoltura, Antonello Cracolici – anche lui del PD come il ministro Martina – organizza fiere, distribuisce prebende e… brinda con lo stesso ministro Martina (come vi abbiamo raccontato qui).

Il Parlamento Europeo – che in agricoltura è il protagonista assoluto delle più grandi schifezze degli ultimi anni – ha approvato l’accordo di partenariato economico con alcuni Paesi dell’Africa: Botswana, Lesotho, Mozambico, Namibia, Swaziland e Sud Africa.
Alcuni Paesi europei, negli scambi commerciali con tali Paesi, ci guadagneranno. A perdere saranno i Paesi europei che producono agrumi, Sicilia in  testa: questo perché saranno proprio gli agrumi africani che verranno piazzati in Europa.

Per la Sicilia, se dobbiamo essere onesti, non è un dramma, perché l’agrumicoltura della nostra Isola – a parte i casi di bravi imprenditori agricoli che vanno avanti da soli – è, nel complesso, un mezzo disastro, a prescindere dagli accordi tra UE e i già citati Paesi africani. Ma è comunque il segno dei tempi. Con gli europarlamentari eletti in Sicilia che – a parte il grillino Ignazio Corrao – fanno poco o nulla.

Anche perché i partiti ai quali fanno capo al Parlamento Europeo – il PPE e il PSE – sono quelli che governano la cosiddetta Europa Unita. I nostri Giovanni La Via e Salvo Pogliese (entrambi del PPE) e Michela Giuffrida (PSE) dovrebbero, per coerenza, lasciare i partiti politici di appartenenza. Invece si dicono contrari agli accordi che ammazzano l’agricoltura siciliana e restano dove sono…

A risollevare le sorti dell’agrumicoltura (per lo più catanese) pensa la deputata regionale (catanese), Concetta Raia. Che ieri ha diffuso un chilometrico comunicato stampa che è un mezzo trattato di patologia vegetale. Il ‘succo’ – visto che parliamo di arance – è il seguente: le arance africane ormai arrivarono: vediamo se ci possiamo fare dare un po’ di munita (leggere fondi pubblici) con la storia delle malattie delle piante…

Il grano al veleno, le arance africane, l’olio d’oliva tunisino (che poi non è tunisino, ma delle imprese non tunisine – e tra queste anche qualche multinazionale – che operano in Tunisia), la passata di pomodoro cinese (che quanto a salubrità tiene testa al grano al glifosato e alle micotossine…), gli ortaggi e la frutta estiva del Nord Africa (compresa l’uva: la Sicilia esporta uva Italia – una delle migliori uve da tavola del mondo – e dà a mangiare ai siciliani uva africana prodotta, anche in questo caso, Dio solo sa come, come potete leggere qui).

Insomma, il pranzo è servito.

tratto da:  http://www.inuovivespri.it/2016/10/06/e-la-sicilia-affonda-grano-avvelenato-uva-e-arance-africane-pomodori-cinesi-crocetta-minacciato-e-lars-in-vacanza/#_


Nessun commento: