IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

lunedì 13 febbraio 2017

Facebook investe nelle neuroscienze ed elettronica per usare telepatia e spiare i pensieri...


FB investe in telepatia con la neuroscienza, per leggere le menti degli utenti


Mark Zuckerberg ed il suo team di ingegneri stanno sperando di spingere la piattaforma Facebook un passo oltre… sempre piu’ vicino alla “singolarità”, sviluppando nuovi modi per invadere la mente umana e spiare sui pensieri della gente.
Secondo quanto viene riportato, il gigante dei social media sta incaricando un team di neuroscienziati, per sviluppare una cosiddetta “interfaccia computer-cervello” , che presumibilmente consentirà agli utilizzatori di parlare tra loro telepaticamente  [allora…la telepatia è vera!…ndt] e nel frattempo consentire a Facebook di intercettare questo flusso di comunicazione per monitorarlo 24 ore su 24.
Palesemente noto come “Building 8,”  o B8, il team, la squadra che lavora al progetto, sta usando la neuroscienza di avanguardia e l’elettrotecnica, per costruire una piattaforma per cui un giorno sarà possibile che Facebook usi l’intelligenza artificiale per fare una mappa dei pensieri e dei movimenti del cervello dei suoi “users” (utenti), per poterli poi sfruttare. La tecnologia  avrà la capacità di “catturare un pensiero,” per citare le parole di Zuckerberg, che ha spiegato come funzionerà durante una sessione di domande e risposte,  nel 2016.
In sostanza, la tecnologia darà a Facebook la capacità di entrare nel cervello umano ed estrapolare tutto cio’ che li succede, di prendere l’informazione “nella sua forma perfetta ed ideale nella vostra mente e condividerla con il mondo”, ha detto Zuckerberg.

(...) I tentativi di Facebook, di creare con i suoi prodotti  una maggiore esperienza “ realistica e totale”, potrebbero finire con il creare una prigione di pensiero di epiche proporzioni. (si veda: technological invasions of your privacy at PrivacyWatch.news)







Nessun commento: