IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO
TRATTAMENTI DI RIEQUILIBRO ENERGETICO INFORMAZIONALE CON LA QXCI-SCIO

mercoledì 5 aprile 2017

VAXXED: CENSURA E ANCORA CENSURA


L'immagine può contenere: una o più persone

Marcello Pamio
- 4 aprile 2017

Ennesimo caso di censura.

La proiezione del documentario Vaxxed prevista per mercoledì 5 aprile 2017 a Padova è stata impedita dal Comune.
 
Si sono mobilitati assessori, il direttore della Ulss Euganea di Padova Domenico Scibetta e addirittura il Magnifico Rettore dell'Università patavina Rosario Rizzuto.
Se non bastasse perfino una sedicente associazione di studenti di sinistra vicini al Pd ha denunciato che ostacolerà con ogni mezzo la proiezione. Poveri noi: siamo arrivati al punto che dei giovani di sinistra lavorano inconsapevolmente per quel Sistema che a parole combattono.


Se al posto di Vaxxed avessero proiettato il documentario di Totò Riina dal titolo "Stato è Mafia" non si sarebbe scomodato nessuno, ma in questo caso era d’obbligo calare la scure dell’inquisizione.
L’affares vaccini è così importante e scomodo che sul Gazzettino gli è stata dedicata la prima pagina.


Tutti gli intervistati sono concordi nell'impedire la proiezione in quanto trattasi di disinformazione pura, come ha sottolineato il dottor Scibetta, mentre per il Rettore si sta facendo “un passo indietro”. Certo, mentre censurare la cultura significa fare tanti passi avanti, vero?


Ma se si tratta di aria fritta, di mera fantasia qual è il motivo per impedirne la proiezione? Se sono tutte fandonie perché mobilitarsi così celermente a poche ore dalla proiezione?
La caccia alle streghe continua e qui in Italia la situazione è a dir poco vergognosa. Per non parlare dei media sempre proni al regime, tutti schierati per il mono-pensiero dettato dall’alto, dettato da chi ha il potere.


È sempre più il momento di far sentire la nostra voce, manifestare al Sistema che non siamo sudditi, non siamo cerebralmente piatti, ma siamo persone in grado di pensare in maniera autonoma e soprattutto con senso critico. 

Non è in base ad un documentario che un genitore evita di vaccinare il proprio figlio. E’ una presa di coscienza - spesso anche molto sofferta nella stessa famiglia - che si sviluppa su più livelli, proprio per l’enorme responsabilità che ci si prende: di mezzo c’è la salute di una piccola creatura. Quindi non è una decisione banale ma si matura dopo essersi informati in maniera adeguata e soprattutto completa.


Se di informazione dobbiamo parlare: qual è il livello di conoscenza e di informazione media dei genitori che a scatola chiusa - perché qualcuno ha deciso il giorno e l’ora dell’appuntamento – e senza porsi delle domande, portano il loro bambino a inoculare sostanze che non conoscono per malattie che conoscono ancora meno?
Un documentario non può certo creare problemi sociali o sanitari, a meno che le cose raccontate non diano per caso fastidio a qualcuno o a qualcosa…


Per cui diamo un segnale chiaro e forte perché il momento è maturo prima che si manifesti e si realizzi nella sua totalità il Grande Fratello orwelliano.
Se oggi non è possibile vedere un documentario in un cinema a pagamento cosa accadrà nei prossimi anni? Dove stanno andando tutte le nostre libertà?


Vaxxed da così fastidio da essere censurato e boicottato ma le amenità, i turpiloqui e le offese all’intelligenza possono venire costantemente veicolate dai mezzi di comunicazione di massa, in primis la tv.
Questo è politicamente corretto, tutto il resto va censurato.


fonte: https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=1799436383716949&id=100009518136064

Nessun commento: